mercoledì 14 novembre 2012

52. Der Kuss

Dopo la lunga e laboriosa preparazione, Sissi, Alan ed io fummo finalmente pronti per lasciare il mio appartamento ed affrontare il freddo berlinese.
Passeggiammo tutti e tre a braccetto per Prenzlauerberg fino a raggiungere l'appartamento de La Mari, dove si sarebbe svolto l'ennesimo party.

Del resto, a condividere la casa con tre ragazzi spagnoli, il minimo che ti possa capitare è di organizzare continuamente gran feste e far sfrenata bisboccia.
Che dire? Era un duro lavoro ma La Mari lo sapeva fare egregiamente: con classe, sobrietà e genuino divertimento. 

Al portone c'imbattemmo nel bell'Elmar (il destino mandava segnali inequivocabili!) e nel suo amico Jan. Quest'ultimo, non riuscirò mai a dimenticarlo, neanche dopo una doppia lobotomia carpiata ritornata, era impegnato ad annaffiare le peonie del custode con il proprio crucco augello (il destino aveva un pessimo tempismo ed un senso dell'umorismo ancora peggiore!).

Salimmo tutte e cinque assieme e ci mescolammo tra la folla che già riempiva il piccolo appartamento.

Quel mattino, quando ero uscita di casa, ero sicura di avere ancora 24 anni appena compiuti. Ma quella sera mi ritrovai ad averne circa tredici.

La mia amica Clena, che condivideva la casa con Elmar ma il passato allo Studentato con me, si dichiarò immediatamente mia complice ed alleata. Per ufficializzare questo suo ruolo non esitò a riferirmi, con dovizia di particolari, tutto ciò che il crucco inquilino le aveva già detto su di me ed il nostro interminabile primo appuntamento.
A quanto pare, il fisarmonicista lungagnone era rimasto molto impressionato dalla mia parlantina, il mio volitivo temperamento italico e...
Ed il mio culo.
Quest'ultimo, a dire il vero, l'aveva già colpito in precedenza ed era stato probabilmente l'artefice del nostro primo appuntamento. Quando si dice il romanticismo!

Il mio amico milanese Gabriele mi accusò di tradimento della patria.
"Fai comunella con lo Straniero? Vergognati!"
"Ma tu non esci con quella bella ragazza greca?"
"Sì, e che c'entra? Voi Donne non dovreste uscire con lo Straniero. Non si fa!"
Se non ricordo male, si batté anche il petto a mo' di gorilla della montagna.
Ed il giorno dopo mi chiese di uscire con lui. Quando si dicono le accuse disinteressate!

Le mie adorate comari presero a girare intorno a me ed Elmar con fare curioso e cospiratorio. Le battute ed i doppi sensi, in italiano ed in tedesco, si sprecarono.
Lo spilungone non li capiva, in qualunque lingua gli venissero proposti.
Io, invece, desideravo solo correre a nascondermi, non prima di avere corcato di mazzate le mie fedeli e "sciocchine" amiche. Quando si dice la forza dell'amicizia!

Insomma, era bastata una sola rampa di scale per essere magicamente proiettata nel bel mezzo di un intervallo di seconda media. Stessa maturità, stesso umorismo, stesso imbarazzo. Ci mancavano solo i ciuffi tenuti su con kg di lacca, e la focaccia del panettiere all'angolo.

Stressata da tanto adolescenziale delirio ma ringalluzzita dalle cospiratorie confidenze di Clena, decisi nell'ordine di: smetterla di menar il can per l'aia, andare a lardo fin quando non ci lasciavo lo zampino, essere la capra sopra la panca, disarcivescovizzare l'arcivescovo di Costantinopoli, e fare una palla di pelle di pollo.

Insomma, avete capito, no?
No?
Ma vi devo spiegare tutto nel dettaglio? Va bene.

Messo il povero Elmar letteralmente con le spalle al muro, ne scalai la possente fisicata e, esibendo tutto il mio italico temperamento, lo baciai come se non ci fosse un domani.

Le campane suonarono, il pubblico applaudì, le comari festeggiarono.
Eh sì, ovviamente, le lingue si unirono.

Continua...

15 commenti:

  1. Mi è rimasta però una curiosità: come era l'intimo selezionato dalla tua amica per la serata?
    :-D

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. Ma.. Ma... Avevo appena preso i popcorn, mi ero piazzata sul divano, e tu mi abbandoni così???? Sei peggio del TgCom che interrompe i film a metà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TgCom io???
      Poteva andarmi peggio, avresti potuto darmi dello "Studio Aperto" :P

      Elimina
    2. No, mai, non hanno il tuo spessore! Anche se, alcuni tuoi post sarebbero stati scelti certamente come servizi di "Studio Aperto"!

      Elimina
  3. Avverti se la cosa diventa vietata ai minori eh!
    Sai potrebbero passara virgulti innocenti davanti al mio pc.




    Innocenti un par de ciufoli, sti qui a nove anni sanno più cose di me a 15... e no, non vale darmi della stordita... la verità offende e che diamine.

    :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla: non è previsto nessun racconto da bollino rosso. È vero che ho l'abitudine di mettere i fatti miei in piazza ma a tutto c'è un limite ;)

      Elimina
    2. No, ma secondo te io lascio da soli davanti al pc dei bambini piccoli?
      Ma per chi mi hai preso?
      :-P

      Elimina
  4. E a questo punto del film, gli spettatori si sciolgono in lacrime. O si scatenano in un applauso, a seconda del temperamento di ciascuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le lacrime mi sembrano un po' eccessive, ma una bella standing ovation va benissimo :P

      Elimina
  5. E difatti io sono scoppiato in un applauso fragoroso, intervallato da gridolini di gioia (gridolini più simili ai singulti che fa l'aragosta quando l'anneghi nell'acqua bollente). L'attesa è stata ampiamente ripagata.
    D'ora in poi sarai Pancri la Sfacciata!

    RispondiElimina

Pancrazia in Berlin - Il Ritorno

Poche righe per avvertire i lettori distratti e i passanti ignari che dall'altra parte, su Radio Cole , sto raccontando il mio ultimo vi...